hack gigapan epic 100, step 2, taking apart.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sooo…

Today is taking apart day.

I opened the head. Removed the battery tray, unscrewed the 4 big screws (car tool size  screwdriver needed) and the 4 metallic ones keeping the board. Here it is what is behind. Exactely what I thought could be.

One single motherboard. Taking 7.2V to 9V current and controlling the two motors involved. Here it is the heart, under the LCD there is an ATMEGA processor.

Inside the head is like I supposed to be. Straight, direct, genuine. It is a very low ingeneering process, for the ensamble of the head itself, thought for low number production, easy to repair, to modify and mantain. And VERY, VERY CLEAN!!! It fullfilled my expectation of an U.S.A.  style project and product, with some of its minuses, but ALL of its advantages.

I say getting the space to SOLDER anything on the large, clean and spaced micro switches will be more than easy. It could be done even finding space for a radio reciver INSIDE!

Soldering the wires for RC battery (EPIC original style) will be easy and non-destructive. The battery holder itself can be removed and space clean out.

Some of these holes is for sure a port where to put wires for ATMEGA reprogramming… 😉 Maybe a serial interface, or even a USB??  But that is beyond my comprehension.

Again, whoever projected the technical part of this head, did it with intelligence, made a clean and clear job, that deserves respect. Now, following my “I Void Warranties” motto, I’ll try to get this baby functional to my needs!

 

Hack gigapan epic 100, step1

The Gigapan project was born years ago, to deliver a versatile, ready-made robot head to take panoramic pictures.  It was made with the intention to be super-affordable, so, to be a democratic and very spread product. Dedicated to all those that usually want to shoot a lot of single pictures to stitch their own large, wide angle, ultra defined image.

Unfortunately, panoramic pictures are not democratic. However you see it,  it is a demanding technique. If  you take it like a game, you shoot three images to try, other three during a vacation, then all the others get annoyied and you stop. You will shoot other four maybe, one you will forget in the folders, another two will have images missing, wrong settings etc, and the wow-it-is-the-gooood-one will have a lot of small errors that you will try to recover in photoshop.

If you take it seriously you will become a freak, you will start to break things and cameras in order to build your own special tools to make the images as you want them. And eventually stop to look at cameras the same way you did before. I’m a freak, and I’m from 1998, I happened to be building my own tools, hardware, software, techniques, together with all the friends in Project-imim and PanoTools. I knew Gigapan limits and quircks the same moment I saw a pictures. Nonetheless I saluted it with joy, I liked its american design. When I had the chance I bought it, hoping to be able to transform it in the tool I was needing.

So, the democratic automatic head? It is dedicated to small cameras, compact, bridge, maybe some very small reflexes. It has an american design. Many parts are oversized, it is bulk, heavy, not modular. Some things are really well thought, some others are focused only to make it work with what they had. The head is limited, to one and only kind of customer, the one that makes those beautyful panoramic landscape, that can be printed wall size. Even if it is the local pub wall. Even if the wall is the external facade. The one of a four storey pub. Camera must stay landscape, the head will scan the space in a matrix of shots, N columnes, M lines. Despite the bulkiness of the ensamble, the strange craddle for the camera is very limited in space, and due to the design there are cameras that may not fit with lens in correct nodal point. NO problem AT ALL  if you plan to shoot distant beautyful lendscapes with normal to telephoto lens. But if you plan to use a mirrorless or a small reflex, with a full size lens…

Keep in mind motors are not strong enough for That White Lens of yours, or for a full sized reflex. But nowdays mirrorless, Nikon 3000 and Canon Rebel series (600d or similar in EU)give other possibilities!!.

GigaPan makes also the PRO model. Ok, it costs more, but always a fraction of the other automatic robot heads in the market. But for me is way too big bulky etc.

So, issues to adress:

1. Craddle, camera mount and shutter button presser.

Need for more room, more regulations, for NP, balancing etc. better positioning of the presser or elimination of it. Need to put the camera in portrait, and to use fisheyes  if 3. is resolved.

2. remote activation

Need of a remote “run” button release, for when you put the head over a long pole.

3. Firmware hack.

The robot has the bad habit to estimate and decide on his own the workflow, overlap etc! I want to decide!

When you shoot 360 x 180 multi-row pictures, you always reduce the number of pictures in the rows when you leave the equator and approximate the poles. It means less errors and less  load on the computer (you can hang a serious workstation for DAYS with these pictures!!!)

I sould be able to decide the overlap, how many degrees, if I use a 4/3 or 3/2 camera etc.

4. Battery Hunger.

It relies on 6x AAA batteries, that is a pain in the ass. Fast chargers are usually for 4 batteries, just to be clear. I plan to change system and to use RC model buggies battery packs!

 

So far I adressed point 1!

😉

 

Perche’ Lo Hobbit fa schifo?

Io ho avuto molte  molte difficoltá a spiegare perché Lo Hobbit fa schifo.

Al cinema ci vado molto di rado,  mi piace, per la gente, per il buio, per l’impossibilitá di prendersi una pausa. Per la difficoltá socio-culturale di alzarsi ed andarsene quando mi sento preso per il culo, cosa che é accaduta il 75% delle volte che sono entrato in un cinema dopo l’età della ragione. Mi sento soffocare, insomma.

Dopo la trilogia di Lord of The Rings, invece, nutrivo molte aspettative per The Hobbit,  quindi quando uno di miei amici piú cari di sempre ha detto “andiamo alla prima” non ci ho pensato mezza volta.  Beh, sembtrava un homevideo anni 70. Che tristezza. Il 3D toglie luce, ma il film aveva una gamma dinamica da fare schifo. Luci bruciate e  buio impenetrabile.

Ma perché? Che cosa ha distrutto tutto? Perché la realizzazione tecnica è così carente? Ho trovato delle spiegazioni plausibile.
http://badassdigest.com/2012/04/24/c…mes-per-secon/
http://moviehole.net/201253950the-ho…-to-sneak-peek
http://uk.movies.yahoo.com/the-hobbi…-for-tv–.html
http://www.toplessrobot.com/2012/04/…d_of_sucks.php

Riassumo per i non-masticanti-inglese.
48 frames al secondo e alta definizione fanno la differenza tra:
un Hobbit che si muove nelle Terre di Mezzo
ed un tizio in un costume da hobbit molto ben fatto che recita in un set che mima le fattezze delle terre di mezzo.
E la caverna del tesoro troll diventa un set molto ben fatto con le roccie di polistirolo, ed ogni frammento di montaggio che non sia perfetto spicca come una fetecchia madornale. Ed Elrond é un tizio con un cm di cerone sulla faccia. E l’elfa l’hanno sfocata con un effetto soap-opera anni 70, perché ha le rughe ed il cerone.
L’eccesso di “perfezione meccanica” perché quando si parla di tecnica cinematografica si parla d’altro, di inquadrature, piani, montaggio ecc… L’eccesso, dicevo, di definizione, di fotogrammi al secondo, ha distrutto una cosa che sta alla base del linguaggio cinematografico, lasospensione dell’incredulitá.
Quindi nel cinema vogliamo:
24 fotogrammi al secondo, non 25 e tantomeno 30! ma 48 fanno il danno ancor piú grande.
720P bastano, 1080P vanno meglio per prendersi libertá di inquadratura, 4K é un eccesso ed ha bisogno di lenti molto morbide.
Se la fotografia deve essere croccante, il cinema GLASSATO! Riporto le parole tratte dal primo dei link. “Se questa tecnologia é il futuro del cinema, allora é un futuro che non comprende me.”
Forse, una versione a 720P e 24fps de Lo Hobbit potrebbe risultare bella, gradevole ecc. E qui un altra gabola. Non tutti i cinema sono attrezzati per mostrare i film a 48fps, ed al massimo della risoluzione. Risultato? Molti vedranno quel film in maniera differente, e non potranno, non avendone gli elementi, confrontarsi con altri sullo stesso soggetto. Anche perché, se tu sai se stai guardando un film in 3d con gli occhialetti oppure no, quanti sanno se il cinama sta proiettando un film a 48fps o a 24??

Crespella di mezzanotte.

Ricetta:

  • Un uovo,
  • quello che era rimasto del latte scaduto l’altro ieri (circa150cc),
  • un 60g di farina 0,
  •  noce moscata,
  • pepe,
  • un pizzico di sale
  • la rimanenza di una busta di formaggi vari grattuggiati, da supermercato.

Tutto un un bricco di plastica, sbattuto con le fruste. Sulla padella da crepes metti un angolino di burro, e poi versa il composto al centro, dev’essere abbastanza da coprire con un velo tutta la padella, inclinandola bene in tutte le direzioni. Quando comincia a fare le bolle e a “tirarsi su”é il momento di voltarla facendola saltare. Ora, se sei tornato a mezzanotte rosto da una inaugurazione, dopo esserti tracannato un certo numero rossi a stomaco vuoto, questa é una operazione delicata.

Appena voltata la frittata, si fa molto rapidamente il gioco del vuotafrigo. Nel mio caso  due sottilette ed un resto di gorgonzola che stavano per sviluppare una forma di vita evoluta e due foglie di un radicchio di Treviso che domani sarebbe arrivato ad una civiltá tecnologica. Formaggio a fettine e poi si arrotola! Ho imparato a farlo con le bacchette giapponesi, colpa dei cartoni animati. Con le dosi qui sopra vengono 3-4 crépes. Il novello é d’obbligo, non siamo mica a stomaco vuoto adesso!!

Olympus Con Le Antenne, MAL-1

 

Macro Arm Light 1.

Ho comprato le antenne.  Sono due led in cima a due tubi corrugati.

I tubi non sono abbastanza rigidi, posizionarli in maniera precisa non è facile, tendono  ad avere troppa elasticità e a manifestare una volontà propria.  Questo oggettino nasce per  fare da illuminature macro. Piccoli oggetti eccetera.

 

Anche a mano libera permette di modellare quei due punti luce in più,  specie se ti avvicini parecchio. Io intendo usare le antenne per ritratti notturni, quindi i miei punti luce saranno quasi sempre frontali, al massimo decentrati.  Le antenne sono da 15 – 20 cm, e la distanza di messa a fuoco di un ritratto è a circa mezzo metro.

I due led hanno interruttori indipendenti, high-low-off. Consentono un minimale controllo della luce. In ambito macro, ancora una volta, tutto questo ha senso. Anche solo nelle immagini dell’arancia (20mm panasonic) è evidente che le possibilità espressive sono molte.  Un uso in ambito ritratto  comporta una notevole presenza dell’oggetto stesso, ed uno sguardo divertito o stupefatto.

Nel frattempo le antenne sono comode come luce di cortesia sul piano di lavoro, sul mixer ecc.

 

Warning: split(): REG_EMPTY in /web/htdocs/www.lucavascon.net/home/blog/wp-content/themes/tanzaku/functions.php on line 69

Birrorama.

image

Hehehehe. Accompagnava scampi e patate fritte. Palacinka e un amaro molto amaro, il cui nome è svanito dalla mia mente con i fumi dell’alcool. Il tutto a meno di 15 euri. Poi ieri sera nella parte vecchia di Rovinji Ho adocchiato un rristorantino interessante.

HACK.//trigger

Mapperchè, dico io, questi produttori dal braccino corto non ci mettono mai una presa per lo scatto remoto? Ci vogliono male? vogliono farci dispetto? in english si chiama external trigger o remote trigger. Da non confondersi con il tethering, controllo completo della macchina via usb.

Sony NEX 5n, credo applicabile anche alla Sony Nex5.

http://photoshipone.com/news/files/475bd9e299dca9b522b674cc59facd5a-9.html

hyouka

 

Non vedevo sequenze, animazioni e disegni cosí da Usagi Drop, e da Harui Suzumiya.
http://myanimelist.net/manga/35513/Hyouka

Giá la prima puntata entra dritto nella storia. Intelligente, puntuale, costruisce un linguaggio di estremo realismo, utilizzando varie tecniche di animazione ed effetti visuali (la parte onirica e delirante) per riflettere quello che non c’é nel testo. Quello che colpisce é la coerenza, l’uniformitá e la qualitá delle transizioni. Un lavoro da artisti. Dietro a questa storia c’é una cura eccezionale. L’anime della stagione!? Lo potró dire quando avró visto tutte le puntate e l’OAV, per il momento é la cosa che sseguo con più aspettative.

Grazie ai Supremes e ad OnF per il lavoro, la cura e la passione.

Anime, stagione primavera 2012

Tutte le news su JGOKU, In italiano.

Parte prima
Parte seconda

Per chi mastica l’inglese, invece, il riferimento su Anime Network e anche qui ma mi sembra che la lista sia un poco piu disordinata.

 

Per quello che mi riguarda ho visto le prime due puntate del nuovo di Leji Matsumoto. OZUMA.

Per ora mi sembra molto ben fatto ed appassionante. Nulla di nuovo nella trama, i personaggi simbolici, la “maschere” di Matsumoto ci sono sempre, ma si sono evolute, sono maturate in un segno complesso ed in produzioni piú costose e supportate. C’é sempre la donnona dai capelli lunghissimi, l’Harlok di turno, il nanetto. Ma questa volta ce ne sono anche altri. Notevole constatare che dopo Herbert nessuno riesce ad immaginare un pianeta desertico senza i VERMONI!!!! 😀

Per il resto cominceró a seguire quelli che mi convincono:

Uchuu Kyoudai

Zetmann

Dusk maiden of Amnesia

decouragement – sconforto

Sarà la primavera?!?! mi sento uguale!!!

Ne approfitto per segnalare il lavoro di una “amica di internet”.
Lei si chiama Federica Del Proposto, ha una mano ed una sensibilità che adoro.
http://fumettisottovuoto.wordpress.com/
Riesce a mettere insieme la dolcezza di Mafalda, la crudezza emotiva di Gipi, l’ espressività di Sauro Ciantini, nel suo Palmiro.  In una poetica tutta sua.
La sua Barby SUV  è un capolavoro da non perdere.