Canon c-mount 12.5-75mm f1.8

canon-1

Che dire..  é un bel vedere sulla frociocamera!!! Una lente interessante, che si presta a giochi e linguaggi nuovi, reperibile su eBay a prezzi ragionevoli (120-170 euro). La qualitá meccanica é sorprendente, la qualitá ottica é molto alta, al centro, nella parte del fotogramma che corrispondeva al formato ufficialmente coperto. Poi cominciano aberrazioni geometriche, cromatiche, e vignettatura, visibili sul 4/3.  Il risultato finale é interessante e divertente, se  ti piacciono le cose un po’ retró, soprattutto nel video.

Chi usa ottiche passo C sulle Pen e sul micro 4/3 deve prepararsi ad un poco di bricolage.  Sempre,  in tutti gli adattamenti passo C,  sarebbe necessaria una piccola modifica ai blocchi dell’elicoide per consentire di aggiustare la messa a fuoco ad infinito. Fortunatamente qui la cosa non é indispensabile, basta aggiustare il tiraggio sullo zoccolo passo C, aggiustando di qualche decimo il tiraggio dell’ottica. é una cosa che si puó fare a tentativi, bastano pochi minuti, poi si serrano le tre viti ed il gioco é fatto.

in vendita su eBay!

HaCk, hAcK, HacK!

gf2

Ovvero, molte ottime ragioni per comprare PANASONIC!!

Quanti di voi sanno che una delle migliori macchine VIDEO in circolazione é la Panasonic GH1?!  E per molto tempo é stata decisamente superiore alla macchina che l’ha sostituita, la GH2. Poi? Poi, beh, é arrivato l’hack e si é parlato di “GH2 meglio della Scarlet”

Ma che cos’ha la Panasonic GH di cosí particolare?

Chi fa video con le Dslr sa che non si puo riprendere a lungo. Le riprese durano al massimo una decina di minuti, poco meno. E comunque, appena il sensore si surriscalda, stai fermo un giro, e aspetti. Cosí si friggono i sensori delle 5DmkII, delle 7D, delle D7000.

La piccola panasonic no. Lei continua a registrare (in avchd) fino alla fine della scheda (se usate una classe10), il sensore non scalda, la macchina non si ferma, si puó uscire direttamente in HDMI con un segnale pulito e registrabile (GH2) .

E l’hack?! Consente di utilizzare algoritmi di compressione di classe superiore, sfruttare appieno l’hardware alzando il bitrate fino al massimo sostenibile, registrare direttamente in 30p-24p-25p e non in 60i, e di risolvere un sacco di piccoli ostacoli. Ci si ritrova, praticamente, con una macchina video professionale a tutti gli effetti. Ovviamente non quelli di interfaccia fisica!

E la piccoletta?!

Giá… Vitaliy sta cercando di metterci le mani, in questi giorni é scontatissima, ma prevedo che SE ci riesce…  se implementasse la esposizione manuale nel video… ne venderebbero a palate!

Hackerare la macchina é abbastanza semplice, ed é una cosa reversibile, a quanto sembra, ma consiglio di leggersi tutti i forum, questo in primis, che é quello dello sviluppatore.

http://www.personal-view.com

http://www.eoshd.com/content/595/gh2-hack-project-update

http://osgfilms.com/hack-the-panasonic-gh2

 

Da ricordare che non é la prima volta che i firmware delle fotocamere vengono “ritoccati in meglio”.

CHDK é da solo un buon motivo per comprare una compatta CANON (controllate che sia supportata)

Magic Lantern, invece,  é dedicato alle reflex di casa Canon, aggiungendo non solo delle inestimabili funzionalitá video, ma anche moltissime funzionalitá foto che trovo, personalmente, inestimabili. Focus trap, bracketing avanzato (i produttori markettari sanno che devono mettrlo dentro per fare scena, ma non credo che sappiano né a cosa serve, né come si dovrebbe usare)

Nikon?

D7000..  E’ di questi giorni la notizia che sono riusciti ad entrare nel firmware!!

 

Samyang 7,5mm Olympus EPL-1

Primissime impressioni:

Vale molto piú di quello che costa. Ottima resistenza al flare,  definizione, contrasto e pochissimo color fringing.

——-o——

Finalmente il TEST!

Partiamo dai dettagli tecnici. Piú di 181 gradi, sulla diagonale, 137 x 103 gradi sui due assi. Si chiude un panorama comodamente in 5 scatti, di cui 4 in portrait, inclinati verso il basso di 15 gradi, ed uno a chiudere lo zenith. É e resta il workflow piú conveniente per il sistema 4/3 e m4/3, e dona un panorama da 10580×5290 pixel, con uno scarto davvero minimo (56 megapixel di risultato con 60 megapixel di input complessivo)

Proiezione? Equisolido e non stereografico, come il suo fratello maggiore (in dimensioni) 8mm f3.5.

 

original image

ideal equisolid

ideal stereographic

Il piccoletto, geometricamente si discosta da entrambe le proiezioni, ma assomiglia decisamente di piú ad un equisolido. Compressi negli ultimi millimetri di sensore ci sono piú gradi del dovuto. Un poco come col 10.5mm Nikkor, ma in maniera molto minore.

Giá a tutta apertura la qualitá é buona in tutto il cerchio di copertura, a f5.6 migliora, e la vignettatura viene parzialmente assorbita, a f8 le prestazioni sono eccellenti. Domani, tempo pemettendo il test alberi-contro-il-cielo per vedere color fringing, flare ecc.

Interessante blog in cui si vede come aggiustare il fuoco quando si modifica il piccoletto per andare su di una Sony Nex…

 

Warning: split(): REG_EMPTY in /web/htdocs/www.lucavascon.net/home/blog/wp-content/themes/tanzaku/functions.php on line 69

Consonno

image

Grande giornata. Peccato che Consonno sia diventata una specie di Luna-park per fotocazzoni FIAF

Warning: split(): REG_EMPTY in /web/htdocs/www.lucavascon.net/home/blog/wp-content/themes/tanzaku/functions.php on line 69

Caloziocorte 12:11:2011

image

Burp
Hic
Dimissioni
Risotto
Pizzoccheri
Costicine.
Castagne

Warning: split(): REG_EMPTY in /web/htdocs/www.lucavascon.net/home/blog/wp-content/themes/tanzaku/functions.php on line 69

Prova android

image

Questa

Un cartone animato per la Rollei35s

Da camerapedia, Rollei 35S

Ancora una volta, la fotografia e la sua rappresentazione, la sua valenza sociale.

Fotografare é dire IO, IO, IO, trasmettere agli altri la propria identitá attraverso i propri occhi, il proprio modo di guardare, ed interpretare, il mondo.

Ed il mezzo non é neutro. Agli oggetti attribuiamo valori, significati, ricordi, il mezzo fotografico, poi, ci condiziona con le sue limitazioni, la disposizione dei comandi, i suoi modi di agire, reagire, la sua interfaccia.

Ed allora ecco un Anime che parla proprio di questo, e la protagonista guarda il mondo attraverso una macchina estremamente particolare.

La ROLLEI 35, nella sua versione S.

E’ una compatta, compattissima, a pellicola 135, dotata di esposimetro, messa a fuoco manuale a stima, tempi e diaframmi completamente manuali. La macchina é meccanica, tutti i comandi sono disposti in maniera anticonvenzionale, ma, a modo suo, semplice e logica. La batteria alimenta un esposimetro accoppiato, al silicio.  Si carica la pellicola smontando fondello e dorso, come si vede nelle ultime 4 immagini.
La leva di carica é sul fondello, mentre davanti, sul frontale, troviamo la ghiera dei tempi ed il selettoore degli iso, ed al centro un Sonnar 40mm f 2.8, messa a fuoco a stima (ndo cojo,  cojo), ma soprattutto COLLASSABILE con un meccanismo semplice ma delicato.
Il mirino? Minimale. Particolare? In cosa é particolare? La macchina, essendo completamente manuale non ha limiti tecnici, a parte il 40mm fisso. Ma il suo utilizzo, sia quello rapido che quello “pensato” non puó prescindere dalla costruzione di un rapporto con il mezzo. Queste caratteristiche ne fanno uno strumento in grado di mettere in discussione un fotografo abituato alle solite reflex, alle solite telemetriche o alle solite compatte.

Terza immagine, commento del doppiatore (in alto, corpo piú piccolo)

“passa al digitale, cosí risparmi! ^.^”

😀 Questi sono quelli di Fansub Nostrano, (giuro, quando l’ho letto ho riso come un deficente) che non ringrazieró mai abbastanza, scelgono anime di qualitá, e li sottotitolano quasi in “tempo reale”, traducendo bene.  Riporto anche l’ottima presentazione che fanno dell’anime.

Fuu è una ragazza che vive insieme alla madre e alla sorella.
Ha una grande passione per la fotografia che le è stata trasmessa sin da piccola dal defunto padre. Sarà proprio la macchina fotografica a farle riscoprire la gioia di vedere le cose che la circondano in modo diverso, grazie anche all’amica d’infanzia che la sostiene. Inizialmente, le foto per lei erano causa di tristezza, perché le ricordavano i momenti felici passati e la mancanza del suo genitore. Ma poi, si renderà conto che proprio attraverso
le foto, le sensazioni provate da suo padre mentre fotografava, riescono ancora a raggiungerla nonostante il tempo passato.

Tratto da jgoku

Tamayura : Hitotose
Protagonista della serie è Fu Sawatari, studentessa del primo anno delle superiori, che ama la fotografia e che costudisce gelosamente la cosa a cui è più legata: la sua macchina fotografica a pellicola modello Rollei 35S. Dopo cinque anni di lunga assenza, Fu si ritrova di nuovo nella città di Takehara ,poco distante da Hiroshima,dove è nato il suo defunto padre e dove dovrà condurre una nuova vita. Là, la ragazza avrà la possibilità di stabilire dei legami (Kaoru Hanawa, Maon Sakurada e Norie Okazaki) che la porteranno ad aprire il suo cuore verso nuove esperienze.

Sito Ufficiale: http://www.tamayura.info/
Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=LTwQlgeeqPU
Produttore: Hal Film Maker
Genere: Commedia, Vita quotidiana
Data di uscita: 3 Ottobre
Episodi: 12

Sulle Rollei 35 c’é un bell’articolo online di Danilo Cecchi, non mi sembra il caso di parlare a vanvera quando posso lasciar parlare chi ne sa piu di me.

Forse é il caso di aggiungere solo una piccola raccomandazione a chi voglia perdersi su ebay o a mercatini a cercare la sua Rollei35: Occhio alle batterie! Le macchine piú vecchie dipendono dalle solite introvabili batterie al mercurio ad1.35V. Quelle con le celle al selenio potrebbero non avere piú un esposimetro funzionante. Io cercherei le 35S-SE o T-TE, come macchine piú usabili e moderne, le made in germany sono un poco piú affidabili.

TLR, read Twin Love Reflex…

p-Scan-110903-0001

Inio Asano: “buonanotte, Punpun.”

buonanottePunpun_2.indd

Buonanotte Punpun è un racconto di formazione, ed uno sguardo  sull’attuale società giapponese. Il punto di vista é quello di punpun, un bambino qualsiasi,  che sta crescendo e perdendo la propria innocenza, e cui l’autore ha dato le sembianze di un uccellino stilizzato. Forse perché ci immedesimiamo in lui? forse per delineare chiaramente un punto di vista, una visione del mondo.

Vi rimando alla miglior recensione che ho trovato online.

http://magmell.splinder.com/post/23789451/buon-riposo-punpun

Warning: split(): REG_EMPTY in /web/htdocs/www.lucavascon.net/home/blog/wp-content/themes/tanzaku/functions.php on line 69

Igor Mischiyev

Igor Mischiyev

Sua Maestá dei parcheggi.

http://numeral.com/geringArchive/2003/igor_mischiyev.html

Di Igor Mischiyev non si trova tanto online. Alcune cose, tracce, libri, Spero di metter presto le mani su una copia di Multi Story Car Park.

Le poche immagini che si trovano mi hanno affascinato al punto da non riuscire a staccare gli occhi.

Lui é un artista a tutto campo, installazioni, sculture, fotografie.