luca vascon

VR photography

Olympus OMD, ma perché?!

Ho avuto modo di valutare la macchina, come credo tutti noi, dalla carta.
Ci tengo a dire che per me una fotocamera NON é fatta solo di qualitá di immagine, di un buon sensore, di buone ottiche.
Una fotocamera é una interfaccia tra il fotografo e l’immagine che produce. Ognuno di noi a modo suo la sceglie. La vive. La usa.
Io ho comprato una micro43 per la compattezza, per il tipo di ergonomia, e per il VIDEO.
Poter fare video su di un sensore grande con una macchina piccola e maneggevole.

Ho guardato questa OMD in tutte le salse. ne ho gustato il design retrófuturistico, le foto stile “camera-porn” che girano.
Ed ho sbavato.
Poi, in un particolare di un video, ho notato una cosa. Si é rotta la magia, ho usato il cervello e ne ho notate tante altre.

Ancora una volta la vite del cavalletto é scostata rispetto all’asse ottico. Non si vede quasi mai il fondello, ma se é vero quello che penso, e per cambiare le pile e-o la scheda devi smontare il fast-release dalla macchina, per me puó finire nel cesso, la OMD, e sulla strada un bel pó di colletti bianchi.Non ha la presa microfono integrata. Ok, c’é il SEMA1. Con il SEMA1 sulla slitta portaflash hai due scelte

1-  Il discreto microfonino stereo in dotazione, posizionato nel luogo dove solo un perfetto idiota terrebbe un microfono ambientale, a prendere TUTTI i rumori di maneggiamento piú tutti quelli prodotti dai motori di messa a fuoco.

2- mettere un microfono direzionale o ambientale, un sony 957, un sennheiser, un AT, un Rode NTG-2 ecc.su di una staffa esterna, su un boom, un palo eccetera.Giá, perche sulla slitta flash c’é il SEMA-1, quindi la soluzione semplice, comoda, compatta, diretta, per alcuni versi imperfetta, ma STANDARD di mettere il mic direzionale sulla slitta flash col suo distanziatore ammortizzato é impossibile.

Forse, googlando “DSLR microphone“, FORSE si capisce qualcosa?

Adesso veniamo al bello. All’impugnatura verticale in due comode sezioni. Cosí da stare piú comodi, con una bella macchina ergonomica, che finalmente ti riempie la mano come dovrebbe. La mia unica meraviglia é che una idea cosí idiota non sia venuta per prima a Nikon per la “1”.

Tanti piccoli dettagli che mi fanno capire che le micro43 Olympus vengono disegnate come accessori di moda e non come utensili fotografici.
Gran rispetto per Panasonic, che poi si “scorda” i controlli manuali del video sulla GX1 e sulle GF e fa dei menu degni di un videoregistratore, ma molto piú rispetto per Canon, che giá sulla 550 e sulla 600 ci mette tutto, ma proprio tutto quello che serve a fare foto e a fare video, il resto ce lo mette magic lantern.
Indipendentemente dalla reale qualitá fotografica dell’attrezzo, la OMD disattende piú o meno tutte quelle che erano le mie ragioni per comprare una micro43.

Come scritto su 43rumors “Olympus dice che questa NON é una macchina professionale”. Ah, meno male! Che se avessero sostenuto il contrario si sarebbero coperti di ridicolo. Solo, che visto che la fascia di prezzo é quella di una macchina “professionale”, mi chiedo perché dovrei accontentarmi di una “fotocazzoamatoriale”.
Sorry, sono il target marketing sbagliato.

E’ passato un anno. Non ho comprato una OMD, ma ne ho provate tante, amici, conoscenti eccetera. Quello che ho detto nelle considerazioni qui sopra me lo sono rimangiato in gran parte, ed è tempo di fare delle nuove considerazioni, da utente saltuario, d’accordo, ma dettate dall’esperienza diretta e non dalle specifiche sulla carta.

Next Post

Previous Post

24 Comments

  1. lazzarellimarco@alice.it 15/02/2012

    niente da dire condivido in pieno le tue ragion,i saluti Marco,
    febo60.

  2. chees 15/02/2012

    Sul fondello, qualche immagine c’è.
    Vero, l’attacco non è in asse (di pochissimo, ma perché?)

    Invece non credo si dovrà smontare il fast-release per cambiare la batteria.

    http://www.dpreview.com/previews/olympusEM5/images/Base.jpg

    • admin 15/02/2012 — Post Author

      miitico!
      Grazie x l’ immagine. non l’avevo trovata. Hai ragione, non si dovrà smontare il fastrelease. Almeno quello!
      Perchè è fuori asse?! Glie lo chiederei anche io. Per poi dirgli “adesso andate di là e la rimontate giusta!”. La cosa, sulla EPL1 mi crea un sacco di scomodità.
      🙁

  3. lastprince 15/02/2012

    hai ragione. mai sei intransigente 🙂
    per una volta che ne fanno una macchina con giuste 8 cose su 10 …beh…che dire… ho visto di peggio 🙂

    è ovvio poi che non avendo mai fatto nessun filmato in vita mia per me sia ininfluente .

    • admin 15/02/2012 — Post Author

      si, hai ragione, la vecchiaia mi fa più stronzo. 🙂
      La micro io l’ho presa con in mente il filmato, come prima cosa. è che quelle 2 sbagliate sono proprio quelle che rodono. Guarda la Pentax 645D. Stavo quasi per cascarci, poi un collega mi ha detto che non ha il tethering. Una macchina da studio… non remotabile! come un furgone senza il portellone!

      • franz 20/10/2012

        La 645 non è una macchina da studio Pentax la propone tropicalizzata proprio perchè una macchina da esterni.

        • admin 20/10/2012 — Post Author

          Cerrto, comodissima, da portare nel taschino della camicia e da usare a mano libera.
          Poi economica, al punto che me ne compro una da portare in giro sotto la pioggia, e una hasselblad da tenere in studio…
          🙁
          io uso la D700 sul cavalletto con un computer attaccato, “anche in esterno”. Ed in tasca ho una Olympus micro.

  4. aldus 01/03/2012

    Non mi sembra che la fascia di prezzo sia da macchina professionale!!! perciò non lamentiamoci di questo parametro!!!

    • admin 01/03/2012 — Post Author

      Ahno? mi pare che siamo SOPRA L’ATTUALE PREZZO DI UNA CANON 7D secondo Amazon, e con questo direi che possono usare la loro “amatoriale” da 1200 euro come fermacarte.
      🙂 se poi pensi che una 5d mk2 va a 1800, per quello che mi riguarda la neanche-tanto-piccola Oly può arrugginire sugli scaffali. Nella tasca del giubbotto va benissimo la EPl-1, o la GF2

  5. aldus 01/03/2012

    Beh, se per te la 7d è una macchina professionale!!!!

    • admin 02/03/2012 — Post Author

      Per me lo é eccome. Come professionale é la Nikon 300. Ci sono mille ragioni che potrebbero far preferire un APSC!!
      Sono macchine adatte ad un uso professionale, che molti professionisti usano come primo corpo. Non cadere nel tranello di chi considera “pro” solo la bestia piú grossa. Nessun autotrasportatore farebbe le consegne in centro storico con un TIR.
      Io di mestiere faccio il fotografo. E sono uno specialista in un settore molto ristretto. Per quello che faccio e per come lo faccio una 1Ds Canon sarebbe la macchina piú sbagliata ed inutilizzabile. A quel punto si passa direttamente ad Hasselblad. 5DII e D700 sono le macchine che usiamo di piú. Ma in certe situazioni una APSC ha una marcia in piú. La Fuji S5pro é tuttora una delle migliori macchine che si possano utilizzare nel mio campo. 40D e 60D le abbiamo stressate oltre l’immaginabile.
      Tutte hanno tethering, controllo remoto totale via PC, la vite del cavalletto in asse, una costruzione a prova di pro.
      La Panasonic GH2 é un altro mostriciattolo che abbiamo pensato di utilizzare. E’ una VIDEOCAMERA professionale, con delle caratteristiche che, in determinate situazioni, la fanno preferire a tutto il resto.

  6. Brad 24/04/2012

    Scusate la domanda, ma dicono si possa usare con i vecchi obiettivi 4/3 delle reflex anni 80, ma solo quelli olympus o anche altri attacchi con apposito adattatore? E poi è solo teorico l’uso ma fattibile in pratica…

    • admin 25/04/2012 — Post Author

      Ma CERTO!! Puoi usare virtualmente TUTTO lo scibile umano. Basta mettere un anello adattatore che si trova facilmente su ebay.
      Minolta AF e Nikon G hanno perso il controllo manuale dei diaframmi sul barilotto, ma l’attuatore del diaframma é meccanico (il motore é nella macchina e non nell’obiettivo) e quindi esistono degli adattatori apposta, con la ghiera del diaframma!
      Canon EF (Eos) é un’altra cosa. Il motorino di controllo del diaframma é nel barilotto.
      Esistono costosissime soluzioni, pensate per il video professionale (Panasonic AF100, Sony FS100)
      http://www.metabones.com/sony/buy-eos-nex-adapter
      http://www.birger.com/
      Esistono anche adattatori con diaframma integrato
      http://www.youtube.com/watch?v=lwr1lo9pokc
      ma il diaframma si trova nel punto sbagliato dello schema ottico. Meglio che niente ma…
      I vecchi Contax G, ottiche autofocus per le compatte G1 e G2, si possono montare con adattatori che consentono la messa a fuoco manuale (girano la vite di messa a fuoco interna grazie ad una larga ghiera manuale)

      Una delle cose da sapere é che con le ottiche molto luminose é necessario un BAFFLE (basta googlare) e-o un buon paraluce, che riduca la possibilitá di flares interni. O ti trovi in un bel guaio di foto appannate…

  7. raffaele 03/05/2012

    Ciao, fatico un po’ a comprendere il motivo del tuo “sfogo”. Cercavi una videocamera? La Panasonic AF100 o la Sony NEX-VG10E nascono per far video, non sono enormi e condividono pure le baionette dei rispettivi sistemi fotografici. Hanno un sensore grande, costano relativamente poco e dispongono di tutte le caratteristiche che un videomaker sa apprezzare. Altrimenti, come dicevi tu, c’è la Panasonic GH2.

    Qualche appunto:

    La Olympus EM-5 è una fotocamera, nata per far le foto. Il video è un plus. Lamentarsi delle caratteristiche video di una fotocamera è come lamentarsi di un cellulare che fa brutte foto.

    La filettatura del treppiedi fuori asse è un difetto si, ma non è fatto perché gli ingegneri sono dispettosi. Probabilmente si tratta di un compromesso per accomodare le componenti interne. Tant’è che con il primo modulo dell’impugnatura torna in asse.

    Per la batteria non so, potrò dirtelo se la prenderò. La scheda di memoria è alloggiata nel fianchetto destro, quindi può essere sostituita anche su treppiedi.

    Il SEMA non deve per forza restare vicino alla slitta. Il modulo microfono può allontanarsi di quanto vuoi tramite cavo con standard jack da 3,5…cosa che mi fa supporre lo renda sostituibile con microfoni più performanti. Qui non mi è neanche servito Google, l’ho visto sul catalogo.

    La Pentax 645D è una medioformato pensata si per l’uso in studio, ma anche (e soprattutto, secondo la filosofia storica della Pentax 645) all’aperto e a mano libera. Tant’è che è l’unica tropicalizzata in commercio. Inoltre, se ti documenti con più attenzione, scoprirai che può essere tranquillamente usata in remoto, controllata dal computer. Mai fidarsi delle dicerie di un collega… al 70% sono frutto di mala informazione e/o inventate 😉

    Come vedi, un quarto d’ora in più a documentarti ti avrebbe fatto risparmiare mezz’ora di sfogo sul blog… sfogo, perdona la schiettezza, scritto davvero in modo dozzinale e poco elegante.

    So che mi avrai già mandato a quel paese assieme ai malvagi ingegneri Olympus e a quelli Pentax. Ma l’insonnia è una brutta bestia, e lo è ancora di più l’irrefrenabile istinto di rendersi antipatico all’ennesimo blogger arrabbiato col mondo (fotografico in questo caso), per puro amore della buona informazione… e perché no, anche per divertimento 🙂

    Buonanotte

    Raffaele

    • admin 03/05/2012 — Post Author

      Ciao Raffaele! Lo sfogo nasce il giorno stesso dell’annuncio, appena viste le prime foto complete. Ero un blogger molto incazzato, che si sentiva preso per i fondelli da una campagna pubblicitaria urticante.
      Vano batteria e porta SD sono piazzati con intelligenza, ma allora non si sapeva. La tua é la mail di un appassionato vero, come sono io, e merita che io colga l’occasione per rimangiarmi delle cose, ribadirne altre, spiegarmi meglio altrove. Quindi, altro che renderti antipatico! 🙂 Il blog per me non é certo un modo di fare informazione, ma appunto di relazionarmi col mondo (intanto ciao! sei uno dei miei 3, forse 4 lettori! Grazie!!)
      Si, hai ragione quando dici che la OMD nasce per essere una fotocamera. Ho il SEMA2, che consiste in uno zoccolo da mettere sulla slitta portaflash dotato di jack 3.5mm stereo per il microfono. Questo vuol dire che, fisicamente, il microfono lo devi piazzare altrove, e non sul posto comodo (non ideale, solo comodo!) sopra la slitta, come lo metto sulla 5D. In realtá le macchine ibride hanno un loro perché, una specifica nicchia di utilizzo, ed una OMD, con il suo stabilizzatore , avrebbe potuto avere dei punti in piú con piccoli piccoli accorgimenti.
      Mi fa piacere che il primo modulo di impugnatura faccia tornare in asse il foro da 1/4″, meno male! Ma perché devo comprare un ammenicolo che appesantisce ed ingombra? E’ fuori asse su tutte le Pen. Ma guarda caso sulle Panasonic no!! E neanche sulle compattissime Sony Nex!
      La AF101 é una macchina straordinaria, l’ho usata, il prezzo peró ne fa giá una macchina da noleggio, non ha molto senso per me possederla. LA VG10E, invece, prezzo a parte, che comunque non é bassissimo, ha davvero un sacco di rogne e rognette che mi fanno preferire la GH2 su molti fronti. La VG20E doveva risolverle.. non ne ho piú presa in mano una, la “rogna”per me piú problematica é la posizione del microfono, che mi impedisce di usare i fisheye.

      La mia esperienza con le MF di Pentax é di amore e amore. L’odio l’ho avuto in parte per le Hasselblad (le solite 500) che ho dovuto usare lavorando. Ed il mio amore é con la 67, il mio rimpianto é per la 67II che non ho mai posseduto. 🙁
      Ho avuto occasione di testare (che non vuol dire usare, e non implica un rapporto stretto con la macchina, quello che permette di capirla a fondo per intenderci) la 645D, e la mia impressione é stata del tutto positiva. Tranne un piccolo particolare. Il tethering.
      http://www.pentaxforums.com/forums/pentax-medium-format-645-6×7-645d/183755-tethering-software-645d.html
      e
      http://www.pktether.com/
      Purtroppo il supporto é tutt’ora solo parziale.
      Per me le MF digitali sonoTUTTE delle macchine da studio. Non ne possiedo, prendo a prestito la H40 di un collega, o ne noleggio una quando serve.
      Le uso sempre “fuori dallo studio”. Computer collegato, cavalletto eccetera. Il fatto che la macchina sia abbastanza maneggevole da “poter” essere presa in mano ed adoperata senza portarmi dietro anche la 5D, per me va benissimo, ma se qualcosa limita il mio uso primario… 🙂
      Ovviamente se hai informazioni diverse o contrastanti, ti prego di dirmelo! :-O

      Buonanotte a te, e grazie per il commento. 😉
      Luca.

  8. Peppo 25/05/2012

    Mi permetto di far notare quello che forse è il motivo per cui le m4/3 olympus hanno il foro da 1/4″ disassato mentre le pana e le sony no…che sia colpa dello stabilizzatore sul sensore? In corpi così compatti il suo ingombro potrebbe risultare tale da non permettere l’allineamento dell’attacco da 1/4″, tant’è che i corpi olympus “non micro” hanno l’attacco in asse. 😉

  9. guido sorrentino 20/07/2012

    si chiede di essere perfetta e di fare filmati perfetti, credo che i filmati siano un plusvalore che hanno messo perchè oggi la gente chiede anche che una fotocamera faccia il caffè, io ho preso la OM D da un mese, è fantastica, come fotocamera … che poi è quello che dovrebbe essere, una resa cromatica perfetta e naturale, maneggevole e leggera, nessun rumore, uno stabilizzatore integrato che permette di fare foto d’ interni con un 150 mm a mano libera … chi si lamenta credo non abbia capito il senso di una macchina fotografica così … fare ottime foto se usata bene! provi a utilizzare macchine più blasonate e a confrontare gli scatti … non c’è storia! io ha un altra reflex con ottiche molto più costose, lenti alla fluorite, stabilizzate etc etc … non c’è paragone!!! complimenti a chi la ha progettata!

    • admin 20/07/2012 — Post Author

      Il post sul blog risale all’epoca dell’annuncio, si riferiva a come la macchina è stata commercializzata e proposta. Ho avuto occasione di provarla, e posso assicurarle che ora come ora farei considerazioni diverse. In merito alle funzionalità video, la sua è una considerazione da… fotografo! 😀 Io continuo a difendere con i videomakerle posizioni dei fotografi, e viceversa.
      La fotocamera reflex con funzioni video, mette in mano al videomaker strumenti e linguaggi che fino a poco tempo fa non eranmo accessibili se non a noleggio, e per le produzioni mainstream. Una produzione indipendente, del resto, fa uso sia di videocamere che di vdslr, in modo da coprire in toto tutte le situazioni di utilizzo. La Panasonic GH2, una volta hackerata è attualmente la miglior videocamera acquistabile sotto i 5000euro, per una certa fascia di utilizzo. Ma ai suoi tempi era una fotocamera discreta con un prezzo troppo alto. Vedere che con pochi accorgimenti la OMD poteva non essere solo una fotocamera di primissima classe, con una ergonomia perfetta, ma anche la videocamera di cui ho bisogno, fa un po’ male. In questo momento le mie considerazioni personali mi portano sempre verso una 5Dmk2 con specchio segato, non importa da quale punto la guardi. La mia collezione di ottiche d’altri tempi lo esige. Ma i soldi mancano, e preferisco investire i pochi che ho in un bel viaggio in sacco a pelo sulle coste slave.

  10. MICHELE 14/08/2012

    complimenti a Raffaele e Guido per l’intelligenza del loro intervento!
    faccio foto di notte a mano libera e devo dire che con nessun altra macchina che ho provato si puo scattare con tempi di qualche secondo senza ottenere foto mosse —> complimenti olympus
    …pensare che questo sistema funzia anche per i video, ma meglio non dirlo troppo forte che altrimenti la tirano su di PREZZO!!

  11. rino 17/12/2012

    Ho guardato questa OMD in tutte le salse. ne ho gustato il design retrófuturistico, le foto stile “camera-porn” che girano.
    Ed ho sbavato…….

    che dire se compri macchine per l’estetica lascia perdere tutto il resto

  12. Foxtrot 30/07/2013

    Esatto… invece che guardare l’estetica e se fa video professionali… concentrati su quello per cui una macchina fotografica è fatta.. le FOTO!

    Sveglia dai! possiamo parlare male o lodare qualunque cosa a seconda dei nostri gusti, va bene!

    Se poi vuoi la mirrorless che faccia oltre che le foto bene anche i video e i toast e la spesa al supermercato è un altro discorso..

    Pubblicare “articoli” del genere è proprio ridicolo!

    • admin 30/07/2013 — Post Author

      beh, sul mio blogghetto personale ci pubblico quello che voglio!
      😉
      Estetica: la forma dovrebbe venire dalla funzione, ma purtroppo non è così. Ho studiato design, tra le altre cose, tante belle parole sulla teoria. La pratica è: Solletica tutti i bassi istinti dell’acquirente, e lascialo sempre insoddisfatto.
      Video: Forse tu usi le fotocamere per fare solo foto. Io no.
      I cortometraggi, i video professionali, oggi, si fanno con le 5D, le Gh3 e macchine simili. Piccole, ad ottica intercambiabile, molto compatte. Permettono di lavorare in maniera professionale con un abbattimento dei costi che ha un fattore 10. Il toast e la spesa al supermercato, sinceramente, se ci fosse una mirrorless… ma anche stendere il bucato e chiudere le finestre quando piove. 😀
      Sinceramente a me piace di piu questa oly, se avesse due cosine della gh3, o almeno una porta microfono integrata a cui attaccare questo… http://www.zoom.co.jp/products/h6/ mi garberebbe assai.
      Foto: Cosa sono? Scusa, non ci sto più nella definizione. Io faccio queste cose qua: http://www.officinepanottiche.com/test/kitchen/kitchen.html le Foto con la eFfe maiuFcola le lascio volentieri a quelli della FIAF. Il pixel è liquido, dinamico, interattivo, il pixel è la contemporaneità a distanza. è declinazione continua di tutte le sue accezioni di tempo. Puntiforme, lineare, ciclico, e qualsiasi combinazione delle tre. Lo strumento perfetto, oggi, è quello che permette di generare la totalità delle immagini o video, nel modo migliore e più coerente possibile.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

© 2022 luca vascon

Theme by Anders Norén